Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

Menu

ZTL varchi aperti

ZTL varchi aperti

VIENI AD OCCUPARTENE!

Nei prossimi giorni varchi aperti in città per rilanciare la costruzione di una Roma comune ispirata a tre principi:

Nè pubblico, nè privato, comune!
Partecipazione ed autogestione!
Solidarietà e mutualismo!

#ZTL
#ROMACOMUNE
#MENEOCCUPO

 

 

 

Nè pubblico, nè privato, comune!

Il pubblico e il privato, meglio, la proprietà privata e pubblica, costituiscono due facce della stessa medaglia, l'una non è pensabile senza l'altra. Che si tratti di una proprietà pubblica o di una proprietà privata, il principio fondativo è lo stesso: quello dell'esclusione.
Che sia così per la proprietà privata è risaputo. Ma lo stesso vale per la proprietà pubblica: ciò che è di tutti è di nessuno, come spesso si dice. Di fatto, ciò che è pubblico viene gestito attraverso pratiche e procedure amministrative da un gruppo ristretto di persone che impongono le regole per l'accesso e il godimento dei beni. Per chiudere il cerchio, ad oggi, la proprietà pubblica è sempre più sottoposta a logiche di privatizzazione, alla privazione cioè del comune. La mala gestione e lo stato di abbandono in cui versa, sempre più frequentemente, costituiscono premessa e alibi per la sua svendita.
Gli spazi sociali autogestiti – è questo il loro punto di forza – non rientrano in nessuna delle due tipologie. Si fondano sul diritto all'uso a prescindere dalla proprietà, pubblica o privata che sia, sottraggono un "bene" all'abbandono o alla speculazione e lo recuperano ad un uso sociale, mentre la proprietà lo condanna all'indisponibilità. Con un paradosso solo apparente, praticano la riappropriazione per istituire l'inappropriabile. Alla proprietà, pubblica e privata, sostituiscono l'uso comune di ciò che è comune.
Un bene può essere usato senza appropriarsene, senza cioè escludere altri dal suo uso: anzi è proprio l'uso slegato dalla proprietà che permette la sua autentica riqualificazione e riconversione nel senso dell'utilità collettiva. Per questo rivendichiamo la legittimità dell'uso, contro la legalità della proprietà. Mentre la legittimità si richiama a principi condivisi di giustizia, la legalità si basa su norme storicamente determinate, che di fatto tutelano interessi specifici e di parte.
Quanto confliggano queste due categorie, quanta poca "giustizia" ci sia realmente nella "legalità" è esperienza quotidiana di tutti.

Partecipazione ed autogestione!ZTL la città
ZTL la città

Partecipare dal basso vuol dire essere protagonisti della vita e delle decisioni all'interno di una collettività che anima uno spazio e lo sottrae all'abbandono e alla speculazione, rendendolo fruibile a tutti.
Gli spazi autogestiti sono laboratori di sperimentazione sociale, tentativi di reinventare la quotidianità, la socialità, il lavoro, crocevia di esperienze differenti, argine alle derive individualiste e autoritarie nei territori. Producono cultura indipendente e migliaia di iniziative per comunicare che un'altra visione del mondo è possibile. Si basano sulla partecipazione diretta, il rifiuto della delega e delle gerarchie e sulla costruzione di percorsi autonomi e condivisi per trovare collettivamente risposte alla soddisfazione dei bisogni.

Il percorso di recupero riattiva competenze svilite dalla crisi e desideri altrimenti sopiti dando vita all'autorganizzazione, dove la responsabilità della comunità non è solo verso lo spazio fisico ma anche verso il suo uso in comune. Sostenibilità, cultura, condivisione del sapere, formazione e senso critico, decisionalità collettiva sono alla base della cultura politica degli spazi sociali.
L'autogoverno è un passo necessario per innescare un processo dal basso, al contrario di quanto avviene nella gestione del pubblico sempre attenta al mantenimento dei privilegi di pochi (vedi Mafia Capitale), e dare corpo ai sogni di chi vuole costruire alternative reali alle logiche del profitto e dello sfruttamento.
Rivendichiamo la valorizzazione e l'implementazione di tali esperienze, che sono l'espressione reale del diritto all'autodeterminazione di tutti quei soggetti precarizzati che costruiscono un mutualismo vivo dentro un contesto sociale in crisi.

Solidarietà e mutualismo!

Mafia Capitale ha mostrato che persino la solidarietà può essere messa a profitto, in un sistema che oltre a produrre disagio trova il modo di specularci sopra L'indignazione sociale diffusa e le proteste che montano nei territori sono spesso mosse dall'individualismo e dall'egoismo e alimentano processi di emarginazione ed esclusione. Tutto ciò non è casuale, ma è frutto di politiche saturate da una corruzione sistemica che da anni impoveriscono la popolazione, tagliando redditi e servizi e abbandonando intere comunità al destino della precarietà di vita. Il risultato è una guerra di tutti contro tutti in cui il nemico è quello che sta peggio di te.
Noi crediamo invece in una città che si riappropri della solidarietà e la organizzi fuori dalle logiche speculative e assistenzialistiche. La solidarietà infatti parte dal riconoscimento - pur nelle rispettive differenze - di una condizione comune di spossessamento e mancanza di beni fondamentali. Attraverso la costruzione di reti solidali è possibile sviluppare delle forme di mutualismo che non abbiano come obiettivo l'interesse economico o il profitto personale, ma il benessere delle comunità che le costituiscono.
Il mutualismo che ogni giorno portiamo avanti negli spazi sociali e autogestiti vive di questo spirito. E' uno scambio inteso non come baratto, ma come collaborazione, condivisione di esperienze e attività, riappropriazione di spazi e tempi di vita, produzione e uso in comune di beni e servizi. Questa sinergia crea nuove relazioni che, a partire dalla materialità dei bisogni, aprono inediti scenari e prospettive di condivisione di ciò che è comune.

 

Dagli Spazi sociali alle Reti solidali
Pratiche del comune contro la Roma della speculazione e di Mafia Capitale

20 giugno 2015 - assemblea pubblica

Stay tuned

Oggi al Forte

10:00 - 13:00
Segreteria
11:30 - 13:00
Booty barre
12:00 - 13:00
Boxe
15:00 - 20:00
Segreteria
17:00 - 18:00
Judo ragazzi
18:00 - 19:00
Piccoli Samurai
18:30 - 20:00
Zhineng Qigong
19:00 - 20:30
Karate
19:30 - 20:30
Danza contemporanea
20:00 - 21:30
Bungee Fly
20:30 - 22:00
Acrobatica a terra
20:30 - 22:00
Video Dance
ror radioabbonamento round s

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina