Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

Prossimi eventi
  • Al fianco di XM24
    Come CSOA Forte Prenestino siamo a fianco dei compagni e delle compagne di XM24.I nostri sogni e i nostri desideri sono infinitamente più grandi del nulla che avanza.Un nulla fatto di palazzinari, di... Leggi tutto...
  • Contro il nulla che avanza - i love XM24
    Oggi Martedì 6 agosto è in atto lo sgombero di XM24 a Bologna, tanto più il nulla avanza tanto più sarà necessario lottare e resistere. . . la storia sarà infinita!Solideratità a chi resiste ac... Leggi tutto...
  • Fortopia - Storie di amore ed autogestione
    Il 1° maggio 2016 il Forte compie 30 anni. 30 anni di occupazione ed autogestione, 30 anni di azione collettiva, di progetti, di laboratori, di iniziative, di socialità, ricerca, cultura, resistenza... Leggi tutto...

grupodeartecallejero

grupodeartecallejero

GIOVEDì 16 MAGGIO in Taverna
avremo ospiti dei rappresentanti del GAC Grupo de Arte Callejero di Buenos Aires, per cenare con loro e farci raccontare la loro esperienza e il loro lavoro di arte militante.
"Il GAC / GRUPO DE ARTE CALLEJERO – Gruppo di arte di strada – si è formato nel 1997 nella città di Buenos Aires.

Si tratta di uno dei collettivi più importanti che si possono tenere in considerazione nel disegnare la mappa delle relazioni tra arte, politica, attivismo e comunicazione che si configura nell’attuale ciclo storico di protesta. È nato a partire dalle necessità di creare uno spazio dove l’artistico e il politico formano parte di uno stesso meccanismo di produzione, ed è per questo il loro lavoro ha ridisegnato fin dal principio i confini stabiliti tra i concetti di arte e militanza.

Si potrebbe dire che il GAC ha operato sempre contro un doppio “senso comune”. Da un lato, contro il senso comune dell’istituzione artistica: il GAC ha fatto interventi fondamentalmente nello spazio pubblico urbano e nel campo dei movimenti sociali, facendo uso degli strumenti sperimentali ereditati dalla tradizione delle avanguardie storiche. Dall’altro lato, facendo parte del grupo H.I.J.O.S. (Hijos e Hijas por la Identidad y la Justicia contra el Olvido y el Silencio – Figli e figlie per l’Identità e la Giustizia contro l’Oblio e il Silenzio) e collaborando con altri movimenti sociali argentini, il GAC ha contribuito a rimodellare le forme di espressione e a innovare la dimensione comunicativa dei movimenti sorti in provincia e contro le politiche neoliberali che dominarono i decenni 1980/1990. Il loro lavoro di produzione di segnaletiche urbane, di rappresentazione cartografica e di “controdisegno”, lavoro concepito sempre come una “pratica collaborativa” con attori sociali, ha costituito un elemento essenziale nel rinnovamento generazionale che in Argentina, durante la seconda metà degli anni Novanta, ha sperimentato il movimento dei Diritti Umani, il quale ha sostenuto storicamente il richiamo alla memoria e alla giustizia di fronte ai crimini commessi dall’ultima dittatura militare di questo Paese."

https://www.facebook.com/gac.grupodeartecallejero/

https://grupodeartecallejero.wordpress.com/

https://www.youtube.com/user/grupodeartecallejero

Oggi al Forte

Nessun evento
ror radioabbonamento round s

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina