Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

Prossimi eventi

LogoForteweb

LogoForteweb

 

1° maggio 2021
35 Anni di Occupazione ed Autogestione.
39^ Festa del Non Lavoro

RespiriAmo Conflitto

Era il 1° maggio 1986 quando un grande parco di diversi ettari fu riaperto al quartiere.
Da allora quel polmone Forte e verde, da Centocelle, ha alimentato un’infinità di corpi col suo respiro . . .

Il Forte questo primo maggio ha scelto di non aprire. Abbiamo deciso di festeggiare questa data con voi, durante tutto il resto del mese, attraverso piccole iniziative che ci daranno la possibilità di ritrovarci e di condividere ancora insieme sulla stessa barca, gli stessi sogni.

di seguito il comunicato



RespiriAmo Conflitto

Era il 1° maggio 1986 quando un grande parco di diversi ettari fu riaperto al quartiere.
Da allora quel polmone Forte e verde, da Centocelle, ha alimentato un’infinità di corpi col suo respiro, mettendoli in relazione con il loro essere nel mondo.

Un respiro profondo e ininterrotto che dura da 35 anni, come questi corpi che esistono e resistono all’oppressione sociale che con ogni pretesto ha accentuato povertà e discriminazioni, modificato comportamenti e ristretto negli obblighi le libertà individuali, attraverso politiche securitarie che hanno permeato ogni campo dell’esistente.
Corpi che non si arrestano e non si arrendono, ma al contrario rispondono e si difendono.

Corpi che non hanno mai smesso di respirare anche se confinati nel lavoro, chiusi in casa, reclusi in cella o tra i paletti della famiglia tradizionale, dove da sempre le donne sono vittime di violenza da parte di mariti, padri e fratelli. Corpi che, navigando a vista in un mare di decreti e norme sulla sicurezza, hanno continuato a manifestare il proprio dissenso attraverso vecchie e nuove forme di conflitto, senza lasciare nessunx indietro, praticando solidarietà e resistenza, esplorando nuovi mezzi di comunicazione.

Resistenza che durante questa pandemia voleva essere annegata nel mare e unidimensionalizzata attraverso nuovi strumenti di propaganda.
Al suo posto, come un vaccino, è stata proposta una normalità fatta di disgregazione sociale, individualismo, militarizzazione del territorio, controllo e speculazione.
Una normale deumanizzazione covata a lungo, da portare avanti anche e soprattutto quando del virus non rimarrà che il ricordo, in nome di un bene superiore al restare umani: "per il nostro bene, nelle loro mani".

Ma se c’è una cosa che con il nostro fare non abbiamo mai dimenticato è il valore della memoria delle azioni e delle visioni che ci hanno condotto e ci ispirano in questo lungo cammino.
Respiri che continuano a guidarci al di fuori dei percorsi d’egemonia culturale sistemica, facendoci tenere bene a mente il valore dell’analisi critica e del conflitto.

2021.
Vent'anni dal G8 di Genova, con Carlo Giuliani nel cuore.
Vent'anni di lotte in Val Susa che ci hanno vistx tuttx unitx camminare sui sentieri, nei boschi, resistere ai fitti lanci di lacrimogeni senza mai fare un passo indietro, come Giovanna, convintx che quel treno non attraverserà mai quelle montagne.
Dieci anni dall’omicidio di Vittorio Arrigoni in Palestina.
Secondo anno dell’ingiusta detenzione di Patrik Zaki in Egitto.
È stato l’anno in cui ci hanno lasciato Sante Notarnicola e Modesto Di Veglia, dopo Salvatore Ricciardi e Leonina Rondoni la scorsa primavera.
12 mesi dall'assassinio, per mano della polizia statunitense, di Breonna Taylor e George Floyd, soffocato brutalmente mentre implorava "I Can't Breathe".
Ma noi vogliamo respirare e questo sarà l'anno in cui sbarcherà in Europa una carovana Zapatista dal Messico, con il suo carico di amore rivoluzionario e gioia che ci ha insegnato il calore della solidarietà.

Ed è per tutto questo che non abbiamo mai smesso di lottare...

Lottare giorno per giorno.
Lottare per cambiare il mondo.

Todo para tod@s. Nada para nosotr@s.

Il Forte questo primo maggio ha scelto di non aprire. Abbiamo deciso di festeggiare questa data con voi, durante tutto il resto del mese, attraverso piccole iniziative che ci daranno la possibilità di ritrovarci e di condividere ancora insieme sulla stessa barca, gli stessi sogni...

Sogni che non sono utopie
ma pezzi di cuore
che dal petto cadono
come pietre sulla terra
solcando il nostro cammino

 

C.S.O.A. Forte Prenestino
1° maggio 2021. 35 Anni di Occupazione ed Autogestione. 39^ Festa del Non Lavoro.

 

Oggi al Forte

Nessun evento
ror radioabbonamento round s

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina