Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggendo l'informativa estesa.

Menu

photo 2019 10 23 13 32 04

photo 2019 10 23 13 32 04

72798511 116277479785061 2683188111306915840 n

72798511 116277479785061 2683188111306915840 n
LIBERTA’ DI MOVIMENTO, LIBERTA’ DEI MOVIMENTI: IL 9 NOVEMBRE 2019 TUTT* IN PIAZZA, PER CANCELLARE I DECRETI SICUREZZA.

 Cambiare tutto per non cambiare niente.
Così si presenta il governo PD – 5Stelle dopo circa due mesi di Conte Bis, che è ben poco “discontinuo” con le politiche del governo precedente se non nelle promesse e nei proclami in difesa delle istituzioni democratiche del paese contro il “mostro” Salvini, passato da alleato di governo a nemico pubblico numero uno in poche facili mosse, contromosse e autogol estivi.

Le due leggi sicurezza targate Salvini e Il decreto Minniti-Orlando hanno messo i migranti, che vivono nel nostro paese, in una condizione di estrema drammaticità. Questo dipende in primis dal fatto che i permessi di soggiorno (unico mezzo che ha un migrante per poter vivere “legalmente” sul nostro suolo) non possono più essere concessi per motivi umanitari, e da un taglio drastico ai servizi erogati che permettevano un certo livello di integrazione all’interno della società, generando una situazione di schiavitù per tutt* quell* che, pur di lavorare, devono sottostare al giogo dei padroni che sfruttano la loro manodopera con paghe da fame e tuguri come alloggi.

Tutti questi provvedimenti non vanno a ledere solo i diritti dei migranti ma sottraggono libertà di movimento e opposizione sociale a tutt* coloro i/le quali ogni giorno si battono per i diritti sul lavoro, il diritto all’abitare, per l’ambiente e per i diritti sociali, criminalizzando e punendo con pene pesanti gli/le attivist* che praticano -varie forme di lotta; dai picchetti fuori dalle fabbriche ai blocchi stradali davanti i magazzini della logistica, da chi occupa spazi per reclamare il diritto ad una casa o chi forza i porti chiusi per salvare vite umane che scappano da guerre e povertà.

Siamo consapevoli che non esistano compagini di governo amiche, a maggior ragione se composte da chi ha materialmente spianato la strada salviniana con politiche il cui baricentro si è spostato sempre più a destra: il certosino avvelenamento dei pozzi sociali prodotto da queste politiche ha lasciato scorie di lunga durata, con i cui effetti ci confrontiamo quotidianamente nei territori che abitiamo e nei quali agiamo politicamente, dove la realtà rimane pressoché immutata. Minacce di sgomberi, ruspe più o meno democratiche, sanzioni e denunce a chi organizza picchetti e blocchi della produzione a tutela del diritto di sciopero, o le ordinanze comunali in nome del decoro e della pulizia delle città da tutt* i soggetti indesiderati, forme di vita una volta troppo nere, una volta troppo povere, una volta troppo solidali.

Dentro questo quadro, e alla luce dei momenti di confronto nazionali e territoriali di questi mesi, abbiamo individuato l'abolizione dei pacchetti sicurezza Minniti-Orlando e dei decreti sicurezza varati dal precedente governo come un punto di partenza.

Per questo abbiamo messo in rete i nostri desideri, per questo abbiamo rimesso in movimento le energie, per riappropriarci di quelli spazi di libertà e di immaginazione che sembrano sempre più impraticabili, per ricostruire quei legami e relazioni di solidarietà e empatia che le politiche degli ultimi anni hanno provato a spezzare, e abbiamo deciso di lanciare una grande manifestazione nazionale, Sabato 9 Novembre, una manifestazione da costruire insieme, larga e attraversabile da tutt*, che chieda l’immediata abolizione delle leggi sicurezza.

Perché mettersi in viaggio per cercare una vita migliore o mettere in campo pratiche di lotta e solidarietà non è un reato.
Perché chiedere questo oggi vuol dire opporsi all’impianto immaginato dal governo giallo-verde-rosa e contemporaneamente ricominciare a delineare collettivamente una strada, avanzare proposte, tornare a far prendere parola alla parte migliore del paese.

Per questo chiediamo a coloro che si sono impegnati nel confronto romano e a tutti i soggetti, le reti, i singoli, i collettivi che hanno deciso e decideranno di fare propria la giornata del 9, a sprigionare energie in movimento e a metterle in circolo, per costruire ed attraversare collettivamente questa manifestazione.

Chiediamo a tutte le realtà nazionali di costruire una settimana di avvicinamento e mobilitazione dislocata sui territori dal 25 Ottobre al 1 Novembre e invitiamo tutt* a Roma, il 27 Ottobre, per discutere e
confrontarci, per fare in modo che il 9 Novembre possa essere una grande giornata, patrimonio di tutt*, ma che rappresenti solo un punto di partenza, per tornare finalmente a respirare.

72700542 2609441109112329 2556817567729582080 o

72700542 2609441109112329 2556817567729582080 o

MARTEDI 15 OTTOBRE 2019. Assemblea pubblica al Nuovo Cinema Palazzo alle 18:00. Stamane c'è stato un tentativo di sfratto del Nuovo Cinema Palazzo. Otto anni di attività culturali e politiche che hanno coinvolto migliaia di persone chiuse con un lucchetto. Ma l’esigenza di costruire e fruire arte, teatro, cinema, spazi di incontro e di riflessione politica che ha animato questi otto anni non si è infiacchita. Al contrario, di quei diritti che fanno la qualità delle nostre vite reclamiamo a tutt’oggi l’affermazione.

Siamo ancora in tanti e siamo ancora tutti qui.
Vi invitiamo a prendere parte all’assemblea pubblica di Roma Non Si Chiude, oggi alle 18.00.

È solo il primo di una lunga serie di momenti in cui staremo insieme, come sempre.

#ChiDisprezzaSgombera
 
 
 
 

72264345 892737961107966 2399659229695705088 n

72264345 892737961107966 2399659229695705088 n

Sabato 19 Ottobre 2019 h.16 Piazza Esquilino Meticcia #maiconsalvini.

Roma non dimentica e non si lega. Ci troviamo immersi in una società in cui crescono le diseguaglianze, in cui l'accesso al reddito e ai servizi pubblici rischia di diventare un privilegio e in cui la crisi ecologica ormai conclamata rischia di approfondire ulteriormente il divario tra ricchi e poveri. In questo quadro le forze politiche attualmente in Parlamento si dividono tra dichiarazioni di una discontinuità solo annunciata e tutt'altro che praticata, e un approccio securitario,

72366428 2435638096705373 3442247358090313728 o

72366428 2435638096705373 3442247358090313728 o
VENERDI 11 OTTOBRE 2019. Ore 16:30 a Piazza Dell'Indipendenza. Roma. Manifestazione contro l’occupazione turca e la pulizia etnica dei popoli nel Nord-Est della Siria.

73181899 2433940350208481 1283758552179015680 n

73181899 2433940350208481 1283758552179015680 n
Mercoledì 9 ottobre - Presidio in Piazza Barberini dalle 16.00 alle 19.00.

La #Turchia di #Erdogan sta per invadere il #Rojava e la Federazione della #Siria del Nord. L'attacco di terra e d'aria è imminente. #Trump ha annunciato che le truppe #Usa si ritireranno a sud per fare spazio all'avanzata turca. Le #Ypj #Ypg #Sdf sono isolate, la rivoluzione come tale è minacciata. nostra amicizia può soltanto essere concreta.

astra 2019 ottobre

astra 2019 ottobre
CHI VUOLE SPEGNERE IL TUFELLO?
NO ALLO SGOMBERO DEL CSA ASTRA!

Da anni va avanti l'attacco indiscriminato e brutale contro le esperienze sociali della nostra città. La cieca applicazione di un malinteso principio di legalità ha messo a rischio l'esistenza di centri sociali e associazioni, spesso unica presenza tangibile per i cittadini in territori complessi.

per il comunicato completo . . .

energie in movimentos

energie in movimentos
 Roma il 14 e il 15 settembre 2019 - ENERGIE IN MOVIMENTO  Assemblea nazionale 

negli spazi occupati di via del Caravaggio e di Lucha y Siesta sotto sgombero.
vogliamo costruire una due giorni nazionale articolata in plenarie e tavoli tematici di discussione e confronto negli spazi ...

photo 2019 08 06 15 49 12

photo 2019 08 06 15 49 12

Come CSOA Forte Prenestino siamo a fianco dei compagni e delle compagne di XM24.
I nostri sogni e i nostri desideri sono infinitamente più grandi del nulla che avanza.
Un nulla fatto di palazzinari, di speculatori, di desertificazione sociale, di poteri autoritari.

ilovexm24

ilovexm24

Oggi Martedì 6 agosto è in atto lo sgombero di XM24 a Bologna,
 tanto più il nulla avanza tanto più sarà necessario lottare e resistere. . . la storia sarà infinita!
Solideratità a chi resiste accorriamo tutti e tutte siamo parte del futuro!
per info:

67098607 401645650458201 200242894441807872 n

67098607 401645650458201 200242894441807872 n
Mercoledì 24 luglio il Ddl Sicurezza Bis andrà in votazione in Parlamento.
Da settimane siamo in mobilitazione permanente contro questo provvedimento repressivo del governo che, svuotando dall’interno i fondamentali diritti costituzionali, pretende di criminalizzare ogni forma di solidarietà e manifestazione di dissenso, in mare come in terra.

67374945 1324053501082847 7734245972695318528 n

67374945 1324053501082847 7734245972695318528 n
BLOCCHIAMO IL DDL PILLON - MARTEDI 23 LUGLIO H 15 TUTT* A PIAZZA MONTECITORIO
#NonsiamaiPillon

il Ddl Pillon sulla riforma della separazione e dell'affido verrà licenziato dalla Commissione Giustizia. Il passaggio successivo è l'approvazione in Parlamento.

66474706 828811580833938 4417974648256331776 o

66474706 828811580833938 4417974648256331776 o
Lunedì 15 luglio Muro Popolare a Cardinal Capranica e appuntamento a Montecitorio contro il DL Sicurezza Bis. #RomaNonSiChiude

Ore 5.00 via Cardinal Capranica: muro popolare contro lo sgombero

Ore 16.00 piazza Montecitorio: mobilitazione contro il Decreto Sicurezza Bis

strikaa

strikaa

★ Strike Our Summer ★ 5 Luglio 2019

Ci vogliono chiusi e zitti, ci avranno sempre più aperti e rumorosi!

Quello di Spazio Pubblico Autogestito è un concetto che sfugge alla logica del consumismo che rivendichiamo da anni: anni in cui abbiamo sperimentato, abbiamo sbagliato, abbiamo costruito e continuiamo a proporre un’alternativa possibile.

62499826 1133068723548345 2160344339157352448 o

62499826 1133068723548345 2160344339157352448 o
29/06 BOLOGNA - Con XM24, corteo contro il nulla che avanza:
Vogliono sgomberare XM24, uno spazio pubblico autogestito che da piu di 17 anni è luogo di socialità e sperimentazione politica, artistica e culturale in Bolognina.

62117358 2816869675020910 7423242859601461248 n

62117358 2816869675020910 7423242859601461248 n

Oggi l’Arte é un carcere. Sotto forma di domanda questa frase fu posta nel 1981 da un artista argentino che inviò un foglio bianco a 200 persone per preparare un convegno sul tema a Palermo. Oggi non esiste più questo interrogativo. L’Arte è un carcere. Le chiavi sono detenute nelle mani di un capitale e di un mercato che gestisce ogni ora d’aria e ogni spazio di sopravvivenza. MA...

Oggi al Forte

10:00 - 13:00
Segreteria
12:00 - 13:00
Boxe mattina
15:00 - 20:00
Segreteria
17:00 - 20:30
Segreteria Pallestra
17:30 - 18:30
Kung Fu di Chenjiagou
18:00 -
Enoteca
18:00 -
Pub 12 De Tutto
19:00 - 20:30
Karatè-Do
19:00 - 20:30
Taijiquan
19:00 - 21:00
Officine Naturali
19:30 - 20:30
Danza contemporanea
20:30 - 22:00
Acrobatica a terra
20:30 - 22:00
Pole dance
ror radioabbonamento round s

DIRITTOALLACITTALOGO

STOP-TTIP

Volantino GAP fronte

notav

antifa

logo nomuos

10x100
notriv

free gaza

NOPUP


illegale è la legge, il suo costo reale

Vai all'inizio della pagina